giovedì 31 marzo 2016

The Ballad of Sacco and Vanzetti

The ballad of Sacco E Vanzetti 

Father, yes I am a prisoner  
Fear not to relay my crime              
The crime is loving the forsaken          
Only silence is shame.     
Testo trovato su http://www.testitradotti.it
 

And now I'll tell you what's against us
An art that's lived for centuries
Go through the years and you will find
What's blackened all of history 
Against us is the law   
With its immensity of strength and power
Against us is the law!   
Police know how to make a man     
A guilty or an innocent
Against us is the power of police!      
The shameless lies that men have told           
Will ever more paid in gold     
Against us is the power of the gold! 
Against us is the racial hatred
And the simple fact that we're poor.     

My father dear, I am a prisoner    
Don't be ashamed to tell my crime           
The crime of love and brotherhood             
And only silence is shame.   

With me I have my love, my innocence,   
The workers and the poor
For all of this I'm safe and strong           
And hope is mine   
Rebellion, revolution, don't need dollars                
They need this instead        
Imagination, suffering, light and love 
And care for every human being    
You never steal, you never kill
You are a part of strength and life   
The revolution goes from man to man
And heart to heart
And I sense when I look at the stars
That we are children of life  
Death is small.         

La ballata di Sacco e Vanzetti 

Padre, sì sono un prigioniero
Non ho timore di rivelare il mio crimine
Il crimine è amare colui che è dimenticato
Solo il silenzio è vergogna

Ed ora ti dirò cosa è contro di noi    
Un'arte che è vissuta per secoli 
Attraversa gli anni e troverai        
Cosa ha annerito tutta la storia
Contro di noi è la legge
Con la sua immensità di forza e potere  
Contro di noi è la legge!
La polizia sa come rendere un uomo
Colpevole o innocente  
Contro di noi è il potere della polizia!
Le menzogne spudorate che gli uomini hanno detto
Saranno sempre più pagate in oro
Contro di noi è il potere del denaro!
Contro di noi è l'odio razziale
E il semplice fatto che noi siamo poveri.

Mio caro padre, sono un prigioniero
Non vergognarti di dichiarare il mio crimine
Il crimine di amare e di avere una fratellanza
E solo il silenzio è vergogna

Con me ho il mio amore, la mia innocenza
I lavoratori e il povero
Per tutto questo io mi sento al sicuro e forte
E mia è la speranza
La ribellione, la rivoluzione non hanno bisogno di danaro
Hanno bisogno di questo invece
Immaginazione, sofferenza, luce e amore
E attenzione per ogni essere umano
Testo trovato su http://www.testitradotti.it
 
Non ruberai non ucciderai      
Sei una parte della forza e della vita
La rivoluzione va di uomo in uomo  
Da cuore a cuore  
E io sento quando guardo le stelle  
Che noi siamo figli della vita
La morte è piccola cosa.