venerdì 29 agosto 2014

San Giovanni 2014




Caro Giovanni Battista,

il vizio in 2000 anni Erode non se l'è tolto. Le teste cadono imperterrite nei secoli dei lumi. Ormai non ci fa specie che dopo tanta civiltà i giovani jaidisti inglesi taglino toste. Quelli furono i primi a tagliare la testa ad un re in epoca moderna. Sono sempre più avanti degli altri e quindi non potevano essere che i primi a riprendere vecchie abitudini in epoca contemporanea. 
Oggi è quindi il tuo giorno caro San Giovanni Decolatto, nel senso di colui che ha pers'a capa. Noi ce lo ricordiamo appena. Anticamente i perditori fisici di testa li facevamo santi, li veneravamo come eroi. Delle loro teste facevamo trofei necrofori ad eterna memoria.
Il nostro più noto santo decollato fu il vescovo beneventano Ianuarius, che uscito vivo dalla fossa dei leoni di Pozzuoli fu tratto alla Solfara, anticamera dell'inferno, e privato della testa. Un santo senza testa che diventa, che assurge, nella tradizione popolare a piede senza scarpa, per strana metatesi.


(cantato) Da stammatina 
tammorr'e trombe!...
e de cennere n'aria c'abbampa!... 
(recitato) Da stammatina tammorr'e trombe
tromb'e tammorre
comm'a quanno pass''a Sulitaria
d''o viennarì santo!...
Da stammatina 'na scarpa vacante
purtata 'mprucessione
e 'ncopp''e castielle
ciente cannune
cu 'a vocc'aperta contr''o cielo
aspettanno 'nu signale
pe' fa' tremma' 'e paura o 'e gioia
tutt''e llastre d''e case!... 
(cantato) E aspiette aspiette 
oi core fino a ttanno!....
Si chesta varca nun è gghiut'a funno
nun è gghiut'a funno!... 
(recitato) E' comme si 'sta jurnata
avesse fatt''o peccato
'e schiara' cu 'nu pere scavezo
ca tuttuquante nun vereno ll'ora 'e cummiglia'!
Pure 'o mare
stammatina sott''o sole
pareva 'na jastemma senza voce
e pure 'a voce d''e fecaiuole
nun tene 'o curaggio
d'appanna' chest'aria pesante
comm''a cennere dopp''o ffuoco!... 
(cantato) Aiuto aiuto 
lu munno s'è perduto!..
Li mmonache 
se vonno 'mmaretare!..
(recitato) Avite 'ntis''e surdate?...
Sule lloro rireno 
e cantano canzone furastiere
ca nuie nun cunuscimmo
e ca se sentono quanno s'è perza 'na guerra!...
E invece tutto chesto
pe' 'na scarpa perza
comme si se fosse perz''a rota d''o munno!
E 'o rre fa' 'na legge nova
cumannanno 'na prova
a onor'e gloria
d''a passiona ca l'ha muzzecato!...
E a gloria d''o rre
'stu paese s'è fermato
rint'a 'na connola busciarda
aspettanno sulo 'nu terramoto
'na lav''e fuoco
'na guerra
pe' pute' allucca' e chiagnere
verenn''o miraculo
'e 'nu santo senza capa
'e 'nu pere senza scarpa! 
(cantato) Ammore ammore mio 
fatt''o tavuto!..
e 'a rinto te ce miette fravecato!..
(recitato) Penzate a chella c'ha perzo 'sta scarpa!
'Na corz'all'alba cu 'e guardie appriesso
e 'o core 'nganna p''a paura! 
(recitato) Paura 'e che? 
E chi 'o ssape!
Puo' ssape' maie cher'è ca te fa' paura?
Vire stu sole!...
Pare ca te vo' bbene
ma 'e vvote nun pare ca te vulesse 'ncenneri'?
M''a chiamme paura!
E nun è bello pure vestirs''e stu calore
e addeventa' 'o calore stesso ca te spoglia
p'abballa' sott''a 'na trav''e fuoco?
Sapite che vve dico?
'Sta scarpa ca s'è perza stanotte è 'a fortuna nosta!
E' sempe 'na femmena ca l'ha perza
e si 'o rre ha scatenato l'inferno
vo' dicere ca senz''e essa nun po' sta'
E chi è essa?
Sempe 'na femmena!
Una 'e nuie ca se pò mettere sott''e piere 'o rre
e addeventa' 'a riggina 'e stu popolo! 
(cantato) Oi sole sole 
jesce a 'stu paese!...
Addo' chi te vo' bbene more acciso
bbene more acciso!...


I fondamentalisti di qualunque parte fanno schifo. Quelli religiosi ancora di più sporcando la loro icona di Dio con sangue d'uomo, non riconoscendo nell'umanità il più compiuto effetto della creazione umana, quello in grado di intelligere il Sommo Bene e al contempo di distruggere se stesso e tutto il Creato. L'unica a poterci davvero difendere è sei tu  


O salutaris Hostia,
Quae cæli pandis ostium:
Bella premunt hostilia,
Da robur, fer auxilium.
Uni trinoque Domino
Sit sempiterna gloria,
Qui vitam sine termino
Nobis donet in patria.