domenica 9 dicembre 2012

Bifest 2013 le prime novità, i laboratori, gli ospiti e le varie giurie


Si è svolta presso la sala Modugno del Hotel Boscolo (già Albergo delle Nazioni) di Lungomare Nazario Sauro a Bari, la conferenza stampa preliminare di medio termine del Bif&st-Bari International Film Festival 2013 che si terrà a Bari dal 16 al 23 marzo 2013. A presentare le iniziative in programma sono intervenuti gli organizzatori tecnici e alcuni dei principali sponsor, e non i rappresentanti politico-istituzionali, perché, come ha ribadito lo stesso Felice Laudadio, direttore artistico del festival, la conferenza stampa in oggetto era riservata agli addetti ai lavori. Infatti ad esporre il ricco programma sono stati Silvio Maselli, eAntonella Gaeta rispettivamente direttore e presidente della fondazione Apulia Film Commission, e lo stessoFelice Laudadio. La presidente Gaeta, giornalista e sceneggiatrice di chiara fama, ha tracciato un bilancio scientifico-sentimentale di questo suo primo anno di attività di presidenza in cui ha fin ad ora collaborato alla preparazione di ben due edizioni della kermesse barese, constatando - con l’entusiasmo che spesso le abbiamo sentito partecipare da spettatrice - quanto la manifestazione sia cresciuta in termini di numeri ed attenzione del pubblico e dei critici. Similmente si è espresso Silvio Maselli, il quale ha percorso un bilancio più approfondito delle passate edizioni ed ha ribadito come insieme a quello di Torino, il festival barese rappresenti un unicum in Italia, in quanto si propone di essere il luogo in cui l’industria del Cinema si incontra, dialogando, con lo spettatore. In tal senso due iniziative completamente nuove si propongono di rafforzare il rapporto tra pubblico e addetti ai lavori ed entrambe si svolgeranno sotto l’egida diretta della Apulia Film Commission: la prima si riferisce ad un laboratorio dal titolo Il mestiere del Critico, riservato a 30 partecipanti selezionati, che sarà tenuto dai critici Silvana Silvestri del Manifesto e Massimo Causo direttore di Sentieri Selvaggi. La seconda riguarderà invece le eccellenze tecniche pugliesi presenti nella Production Guide di Apulia Film Commission, i cui i membri più titolati ed esperti potranno essere ammessi a colloquio con produttori e tecnici del Cinema nazionale e internazionale che giungeranno in Puglia durante il festival, in una sorta di pitch
A prendere la parola infine è stato Felice Laudadio che ha descritto la struttura del festival di quest’anno e in particolare si è soffermato sulla parte del festival dedicata al genio di Federico Fellini con una retrospettiva, e tanti materiali di repertorio, documentali e inediti. Il festival aprirà i battenti con la mostra I disegni di Federico Fellini dal Libro dei sogni allestita dal 1° marzo nella Sala Murat e verrà ufficialmente inaugurata il 15 marzo, alla presenza di Francesca Fellini, nipote di Federico e curatrice della mostra, e di Fiammetta Profili, storica collaboratrice del regista. Il festival inoltre si propone di acquisire sempre più carattere multidisciplinare grazie all’apporto della letteratura, e in particolare con la messa in scena di opere teatrali tratte da Alda Merini, Carlo Emilio Gadda e Shakespeare, realizzate da grandi attori della scuola di Orazio Costa quali Marcello Prayer e Alessio Boni, Fabrizio Gifuni, e Roberto Herlizka.
Ampio spazio sarà dato come sempre ai laboratori come il Laboratorio per attori che sarà dedicato al “metodo” del maestro Orazio Costa e vedrà fra i suoi protagonisti alcuni dei suoi allievi quali Alessio Boni, Fabrizio Gifuni, Roberto Herlitzka, Luigi Lo Cascio e Marcello Prayer.
Il calendario di questo ciclo prevede alcuni incontri col pubblico (ad ingresso gratuito, mentre gli spettacoli avranno un costo di 7 euro) che verranno ospitati dal Teatro Forma alle ore 15: Marcello Prayer, che è stato prima allievo di Costa durante la sua esperienza barese del 1985-88 e in seguito suo assistente per 14 anni, terrà la sua introduzione il 16 marzo; il giorno successivo toccherà a Fabrizio Gifuni parlare di Costa alle 15, mentre nella stessa serata darà vita al suo spettacolo ispirato a Carlo Emilio Gadda; il 18 toccherà a Alessio Boni ricordare nel pomeriggio la sua esperienza formativa con Costa all’Accademia nazionale d’arte drammatica di Roma e in serata dar voce, con Marcello Prayer, alle stupende liriche della grande poetessa Alda Merini; la drammaturga e massima studiosa di Orazio Costa, Maricla Boggio, parlerà della messa in scena dell’Amleto nel pomeriggio del 19 mentre nella stessa serata, mentre al Fortino, Roberto Herlitzka interpreterà il suo celebre monologo ExAmleto di cui parlerà nel pomeriggio del giorno successivo al Teatro Forma; nel quale alle 21 del 21 marzo si esibirà un altro famoso allievo di Costa in un monologo ispirato a Pirandello: Luigi Lo Cascio, che nel pomeriggio del 22 commenterà con il pubblico il suo spettacolo e il suo rapporto con Costa.
Altri Laboratori riguarderanno altri mestieri del cinema, lo sceneggiatore Giorgio Arlorio terrà un laboratorio di 7 giorni, con prove sperimentali di scrittura, dedicato al Mestiere dello sceneggiatore riservato a 50 partecipanti selezionati. Il cinematographer Roberto Girometti terrà un Laboratorio di cinque giorni dedicato al Mestiere del direttore della fotografia, riservato a 30 partecipanti selezionati. L’art director Gianni Quaranta terrà un Laboratorio di cinque giorni dedicato al Mestiere dello scenografo, riservato a 30 partecipanti selezionati. I bandi di partecipazione sono pubblicati sul sito www.bifest.it. Scadenza: 7 gennaio.
A consolidare il rapporto tra spettatori e BIFest ci saranno come sempre le giurie del pubblico. Saranno come sempre 3.
1. Panorama internazionale (Petruzzelli) Giuria composta da 50 spettatori e presieduta da Ulrich Felsberg. Attribuirà il Premio Bif&st del pubblico per il miglior film, la migliore attrice e il miglior attore protagonisti.
2. ItaliaFilmFest/Documentari (Multicinema Galleria) Giuria composta da 30 spettatori e presieduta da Gianluca Arcopinto. Attribuirà il Premio Vittorio De Seta per il regista del miglior film documentario.
3. ItaliaFilmFest/Cortometraggi (Multicinema Galleria) Giuria composta da 30 spettatori e presieduta da Daniele Vicari. Attribuirà il Premio Michelangelo Antonioni per il regista del miglior film di cortometraggio.
Gli spettatori interessati a far parte delle tre giurie 
dovranno inviare la propria candidatura rispettivamente agli indirizzi: giuria.panorama@bifest.it; ; giuria.documentari@bifest.it; giuria.cortometraggi@bifest.it entro il 7 gennaio 2013, con indicazione nell’oggetto: “Iscrizione giurie”, accompagnandola con un breve C.V. non superiore alle 10 righe e con indicazione della giuria cui si desidera partecipare (Panorama, documentari o cortometraggi). Possono partecipare i soli spettatori maggiorenni. E possono partecipare anche gli spettatori che hanno fatto parte delle varie giurie negli anni precedenti. Ovviamente ci si può candidare ad una sola giuria. Sarà cura della direzione artistica del festival selezionare gli ammessi che verranno prescelti sulla base dei curricula.
Argomento a parte riguarda i grandi ospiti previsti, tanti come al solito. Premi Fellini per l’eccellenza cinematografica verranno attribuiti – nel corso delle serate al Teatro Petruzzelli – ad alcune personalità del cinema italiano e internazionale cui saranno dedicati altrettanti Tributi e che terranno anche le Lezioni di cinema. Sono al momento confermate le presenze del regista Stephen Frears e dell’attrice Charlotte Rampling, pluripremiati esponenti del cinema britannico, e degli art director Premi Oscar Dante Ferretti Francesca Lo Schiavo. A questi nomi si aggiungeranno altre personalità del cinema internazionale insignite del Premio Fellini. Il Premio Fellini per l’eccellenza artistica verrà attribuito nella serata di mercoledì 20 marzo ad Adriano Celentano.

Testo e Foto di Carlo Coppola