venerdì 7 settembre 2012

Al ministro Profumo per il concorso a cattedra MIUR



di: (Joan Manuel Serrat - Paolo Limiti)

Tu dormi e io sono qui 
da quanto non lo so. 
So che affondo così 
dentro l'odio che ho. 
A tratti sentirei 
di svegliarti ma poi 
ci penso e dico no, 
ora meglio di no. 

Ti guardo mentre sei 
abbandonato lì, 
odio tutto di te 
oramai è così
e te lo griderò 
e tu saprai il perchè, 
non c'è niente fin quì 
che salverei di te. 

Certo visto così 
da vicino 
c'è il sonno che ti da 
un aria da bambino. 
Certo visto così 
da vicino vicino, 
che bambino che sei... 

Guardo gli occhi che hai 
e le ciglia che hai 
le ciglia lunghe in cui 
imprigionavi me 
bugiardo più che mai 
più incosciente più che mai. 
Che tristezza per 
un amore con te, 
e ti odio di più 
perchè alle altre tu 
tu non hai dato mai 
i giorni tristi e bui, 
quelle certo che no, 
non correvano qui 
a consolare te 
ma io stupida sì. 

E a vederti così 
da vicino vicino 
c'è il sonno che ti da 
un aria da bambino. 
E a vederti così 
da vicino vicino 
c'è il sonno che ti da 
un aria da bambino. 

Io ti odio e fra un po' 
quando ti sveglierai 
basta, non tacerò 
tanto inutile ormai 
e sceglierò per te 
quelle parole che 
fanno male di più 
vanno in fondo di più. 
me ne vado, dirò, 
ma un rimpianto ce l'ho 
avere amato te 
senza un vero perchè. 
Non so cosa darei 
per non dovere mai 
pensare che son 
stata insieme a te. 

E a vederti così 
da vicino 
c'è il sonno che ti da 
un aria da bambino. 
E a vederti così 
da vicino vicino, 
che bambino che sei... 

Ti muovi e so già che 
un sospiro farai, 
la testa girerai 
i pugni allargherai 
e tra un secondo tu 
la bocca schiuderai 
e quasi sveglio poi 
il mio nome dirai. 

Ecco guarda son qui, 
mi chino su di te 
ma questa volta no 
non cederò perchè 
è quasi dolce sai 
poter gridare che
nessuno al mondo mai
ti odierà più di me.

Sto per farlo però
ti svegli al tuo richiamo
rispondo sono quì
amore mio ti amo.
Sto per farlo però
ti svegli al tuo richiamo
rispondo sono quì
amore mio ti amo