mercoledì 16 novembre 2011

Ufficializzato, finalmente, il "Centro Studi Hrant Nazariantz" di Bari


riceviamo e pubblichiamo dalla Comunità Armena di Roma

Ufficializzato, finalmente, il "Centro Studi Hrant Nazariantz" di Bari

Ufficializzata finalmente la nascita del "Centro Studi Hrand Nazariantz" di Bari.

Organigramma:
Cosma Cafueri - Presidente
Paolo Lopane - Vicepresidente
Carlo Coppola - Segretario

Kegham J. Boloyan - socio effettivo
Rosalia Chiarappa - socio effettivo, 

              rapporti stampa e pubbliche relazioni


Il "Centro Studi Hrand Nazariantz" nasce nel nome di Hrand Nazariantz, con il preciso intento di riscoprirne l'opera letteraria e umana, fin ad ora indagata solo in modo superficiale e su cui il comitato promotore  ottiene continuamente nuove informazioni.
L'intento è quello di creare un ponte nel nome di Nazariantz fra studiosi che si siano occupati della sua opera e delle vicende del "Villaggio di Nor Arax".

I promotori credono fortemente che occorre riscoprire la memoria e colmarne i vuoti per essere cittadini migliori, di qualunque patria, perché solo la conoscenza dei vicini consente di capire meglio sia noi stessi che gli altri. In un mondo che, come il nostro, scrivono, appare globalizzato, è doveroso mettersi in ascolto del presente e del passato per poter comprendere meglio il futuro, fatto di rischi e pericoli per l'umanità dell'essere umano, ma colmo di opportunità di crescita comune.

Hrand Nazariantz lasciando con dolore la sua terra, dopo una condanna a morte, decise di portare con sé alcune centinaia di persone, e realizzare per loro un futuro migliore del presente, ma senza dimenticare il passato glorioso dei loro Santi, dei loro cibi, dei loro scritti, della loro musica, dei loro antenati. Qualcuno dei discendenti di quegli Armeni giunti con Nazariantz oggi non vuole ricordare, perché il dolore per ciò che hanno perduto è per loro, ancora, troppo forte. Qualcun altro sente con orgoglio la propria provenienza e porta con sé la "diaspora" da cui discende, insegnandola ai figli e ai nipoti.

Il promotori del Centro Studi Nazariants di Bari costituiscono una sorta di anomalia, in quanto sono dei non Armeni che si occupano di Armeni. Per loro l'Armenia è una condizione dello spirito, la prima nazione Cristiana, la prima nazione in grado di recepire il messaggio dei mistici d'Oriente e traghettarlo verso Occidente ma anche un concreto scambio tra culture e arricchimento per ciascuno.
Il Centro è aperto alla collaborazione con le varie associazioni armene presenti in Italia, e a tutti coloro che hanno conosciuto Hrand Nazariants o lo vorranno conoscere.

Il Consiglio per la comunità armena di Roma esprime piena soddisfazione e ringrazia i promotori per aver colmato questa lacuna letteraria e storica che riguarda uno dei personaggi di spicco della comunità armena italiana dell'epoca. Il Consiglio inoltre incoraggia il Centro a proseguire il cammino intrapreso assicurando piena collaborazione ed appoggio.