venerdì 26 agosto 2011

Sciur Padrun Da Li Beli Braghi Bianchi

alla mia amica Silvia Scarpello che mi chiedeva notizia di questo canto


Questo è il Canto delle mondine, reso celebre da Giovanna Daffini.
Fino a non moltissimi anni fa, le risaie della pianura padana erano diserbate a mano dalle mondine che passavano le giornate curve sotto il sole, con i piedi e le mani nell'acqua. I disagi e le speranze di queste donne erano testimoniate da un vasto repertorio di canti di lavoro, con cui esse cercavano di alleviare la fatica. "Sciur padrun" è il canto con cui le mondine nelle risaie del novarese e del vercellese sostenevano le loro richieste salariali. Il datore di lavoro viene descritto con "bèli braghi bianchi" (bei calzoni bianchi), a far risaltare la sua estraneità alle dure condizioni di vita delle risaie.
La strofa "Prèma al rancaun, e po' dopu a 'ls ciancaun" (prima lo sradicavamo, poi dopo lo rompevamo) allude al fatto che talvolta le mondine spezzavano senza sradicarlo il cosiddetto "pabi", un'erba acquatica (in italiano "giavone") che affonda profondamente le radici nel terreno: questo rendeva inefficace la monda in quanto il "pabi" ricresceva.
La versione originale del canto metteva prima l'azione del rompere e faceva seguire quella dello sradicare, riferendosi all'iniziale imperizia a cui allude anche la strofa precedente ("era la prima volta e non sapevamo come fare"); la Daffini invertì l'ordine delle due azioni, volendo alludere quindi ad una volontaria forma di sabotaggio e di protesta. Altre mondine, più esplicitamente, modificavano anche l'ultimo verso di questa strofa, sostituendo "l'em tot via" (l'abbiamo tolto via) con "l'em lassà" (l'abbiamo lasciato).


SCIUR PADRUN DA LI BÈLI BRAGHI BIANCHI,
FÖRA LI PALANCHI, FÖRA LI PALANCHI,
SCIUR PADRUN DA LI BÈLI BRAGHI BIANCHI,
FÖRA LI PALANCHI, CH’ANDUMA A CA’.

A SCÜSA, SCIUR PADRUN, SA L’EM FAT TRIBULÈR,
I ERA LI PRÈMI VOLTI, I ERA LI PRÈMI VOLTI
A SCÜSA, SCIUR PADRUN, SA L’EM FAT TRIBULÈR,
I ERA LI PRÈMI VOLTI, CA ‘N SAIÈVUM CUMA FÈR.

SCIUR PADRUN [...]

PRÈMA AL RANCAUN, E PO’ DOPU A ‘LS CIANCAUN,
E ADÈS CA L’ÈM TOT VIA, E ADÈS CA L’ÈM TOT VIA.
PRÈMA AL RANCAUN, E PO’ DOPU A ‘LS CIANCAUN,
E ADÈS CA L’ÈM TOT VIA, AL SALUTÈM E POI ANDÈM VIA.

SCIUR PADRUN [...]

AL NOSTAR SCIUR PADRUN L’È BON COM’È ‘L BON PAN,
DA STÈR INSIMA A L’ÈRSAN, DA STÈR INSIMA A L’ÈRSAN
AL NOSTAR SCIUR PADRUN L’È BON COM’È ‘L BON PAN,
DA STÈR INSIMA A L’ÈRSAN, AL DIS: «FÈ ANDÈR CAL MAN».

SCIUR PADRUN [...]

E NON VA PIÙ A MESI E NEMMENO A SETTIMANE,
LA VA A POCHI GIORNI, LA VA A POCHI GIORNI.
E NON VA PIÙ A MESI E NEMMENO A SETTIMANE,
LA VA A POCHI GIORNI E POI DOPO ANDIAMO A CA’.

SCIUR PADRUN [...]

INCÖ L’È L’ULTIM GIÜREN E ADMAN L’È LA PARTENZA
FAREM LA RIVERENZA, FAREM LA RIVERENZA.
INCÖ L’È L’ULTIM GIÜREN E ADMAN L’È LA PARTENZA
FAREM LA RIVERENZA AL NOSTER SCIUR PADRUN.

SCIUR PADRUN [...]

E QUANDO AL TRENO A S-CÉFFLA, I MUNDÈIN A LA STASSION
CON LA CASSIÈTTA IN SPALA, CON LA CASSIÈTTA IN SPALA.
E QUANDO AL TRENO A S-CÉFFLA, I MUNDÈIN A LA STASSION
CON LA CASSIÈTTA IN SPALA SU E GIÙ PER I VAGON.

SCIUR PADRUN [...]

QUANDO SAREMO A CASA DAI NOSTRI FIDANZATI
CI DAREMO TANTI BACI, CI DAREMO TANTI BACI.
QUANDO SAREMO A CASA DAI NOSTRI FIDANZATI
CI DAREMO TANTI BACI, TANTI BACI IN QUANTITÀ.
SCIUR PADRUN [...]