sabato 27 febbraio 2010

Una serata diversa in compagnia [di Carlo Coppola]



Ieri sera per trovare ristoro alla mia anima quassa, diaccia e stanca, resa una fiammella dai travagli della vita mi sono reso finalmente conto che avevo bisogno di una mano e di chiedere allo Spirito Santo che è Dio di sgorgare e di scendere a soffiare ai quattro venti.
Mi sono recato alla Via Crucis animata dal Rinnovamento dello Spirito presso il conventino delle suore di Viggiù.
La denominazione di Rinnovamento nello Spirito Santo, contraddistingue in Italia il movimento ecclesiale della Chiesa cattolica che, accogliendo l'esperienza carismatica della nuova effusione dello Spirito Santo, comprende laici, membri consacrati, religiosi e sacerdoti. È formata da gruppi di persone, coordinati a livello locale, regionale e nazionale. RnS aderisce al Forum delle Associazioni Familiari ed è attivamente impegnato in un cammino di comunione ecclesiale e di formazione permanente per i suoi aderenti. È attivamente impegnato in progetti di evangelizzazione, eventi culturali e sociali volti alla promozione della "cultura di Pentecoste". 
Mi sono subito sentito accolto dalla signora Diana e dalla signora Angiolina molto gentili con me. Mi hanno anche chiesto di leggere le meditazioni della Via Crucis.  
E' stata una esperienza molto forte.
Ero inginocchiato e nel mio intimo tremavo come una foglia. Sono anni che non leggo in pubblico, se si eccettuano i miei alunni a cui ho letto di recente un brano del Piccolo Principe. Una grande emozione conclusasi con canti molto belli e invocazioni molto spontanee dei componenti del gruppo. Erano presenti anche alcuni ospiti della Casa Beatrice di Saltrio, una struttura dell'OAMI. Anche tra loro, chi poteva cantava altri maggiormente ammalati partecipavano come potevano. Molto bello e commovente è stato il momento in cui il vicino si banco di ciascuno ha pregato per la discesa dello Spirito Santo.