sabato 3 ottobre 2009

Primo sabato di relax [di Carlo Coppola]

Cosa fare in questo posto "buco di culo del mondo" come diceva una vecchia canzone, quando è sabato è c'è fuori il sole?
Ieri sera ho chiamato un amico che abita a Brescia e che mi ha ricordato come questa regione sia piena di baresi, forse e più di quanto non sia la vecchia Bari da barzelletta tutta corruzione, mignotte e raccomandazioni. Non c'è il mare è vero... ma dopo un po lo sguardo del mare ci stacca l'anima e se la porta via. Io sono fatto di terra e torno alle origini. Forse non me ne vado a passeggiare sul lungomare o al parco due giugno. Ma qui è tutto un parco e lo sguardo della natura fatta di monti e boschi non ci spaura e ci fa resistenti
.
Bari è morta, il sud è morto, schiacciato dalle ceneri dei partiti papponi che lasciano strascichi lunghi assai. Quelli eran nati sulle ceneri del passato regime, e quello sulle invasioni barbariche degli annessori piemontesi, e così via con i Borboni, gli Austriaci, gli Spagnoli, i Francesi e gli Svevi e Bizantini e Romani e Greci. Mai nessuna capacità di decider da soli, di autogovernarsi.
E muore ignominiosamente quel sud bambino
da cui ogni trent'anni generazioni nuove devono emigrare per l'incapacità politica, organizzativa, amministrativa.
Siano maledetti oggi e sempre tutti coloro che fanno di quel sud una colonia di questo o di quel paese, e mangiatoia per l'interesse di parte.