giovedì 15 ottobre 2009

Archeologia [di Roberto Vecchioni]



Chissa perchè ricordo te 'sta sera non vale più la scusa dell'amore
eppure mi succede che la mano sta volta non la trova la parola
il mio mestiere è fatto di testate sul muro della gente che lavora
per un'idea do il regno, do il cavallo ma quando non mi viene alla malora
chissà perchè ricordo te 'sta sera
chissà perchè ricordo te 'sta sera
Vuoi ridere? oggi penso all'avvenire io che se la sera avevo mille lire
me le bruciavo come punizione perchè un giorno vale una canzone
e mentre mi si spengono le stelle e il mondo fa le macchie sulla pelle
tu non mi hai chiesto niente in quel cortile oggi l'amore ha un lascito mensile
chissà perchè ricordo te 'sta sera
chissà perchè ricordo te 'sta sera

Rallegrerò l'inverno di mio padre con un bambino eletto re di spade
farò felice quella che mi ha amato l'asino resta in piedi finchè ha fiato
ma quando rivedrò la primavera saltarmi addosso come un'avventura
scusatemi se scenderò le scale c'è un piano che non so dimenticare
chissà perchè ricordo te 'sta sera
chissà perchè ricordo te 'sta sera

Sarà perchè ricordo te 'sta sera sarà perchè sei stata la più sola
come un pagliaccio che non dice niente non sa come far ridere la gente
sarà ma c'è l'inverno di mio padre o forse è stata solo una parola
che come te mi resta nella gola chissà perchè ricordo te 'sta sera
chissà perchè ricordo te 'sta sera
Sarà perchè ricordo te 'sta sera
sarà perchè sei stata la più sola come un pagliaccio che non dice niente
non sa come far ridere la gente sarà, ma c'è l'inverno di mio padre
l'amore di una donna che ci crede o forse è stata solo una parola
che come te mi resta nella gola chissà perchè ricordo te 'sta sera
chissà perchè ricordo te 'sta sera.