lunedì 14 settembre 2009

La mia quistione merdionale [Carlo Coppola]



Terra di Puglia che ti amai come fossi mia
Terra di Lavoro che piansi e piango ancora
Ritorno forzoso da lunge, d'ove venni.

Qui non c'è lavoro per gli onesti,
per chi non si cela dietro leggi inique
per chi combatte con la forza delle armi proprie.

Terra corrotta
Terra di raccomandazione
Terra di profittatori
Terra di politici gai e puttane
Terra d'amore e terra d'odio
Terra il cui sangue scorre e scorrerà in eterno
Terra di passione che da quel sangue viene
Terra di baci potenti e di morsi di tarante.

Eccomi parto come mio padre prima di me
ma non farò il suo errore e resterò lontano
a baciare la tua immagine e maledire il tuo nome
in Eterno!