venerdì 10 luglio 2009

Voi ch'ascoltate in rame sparse il suono [di Francesco Petrarca]

grazie a Francesco Petrarca
 

Voi ch'ascoltate in rame sparse il suono
di che sospiri ond'io nudriva 'l core
in sul mio primo giovenile errore
quand'era in parte altr'uom da quel ch'i'sono,
dal stile in ch'io piango e ragiono
fra le vane speranze e 'l van dolore,
ove sia chi per provo intenda amore
spero trovar pietà, non che perdono.
Ma ben vaggio or sì come al popolo tutto
favola fui gran tempo, onde sovente
si me medesmo meco mi vergogno;
e del mio vaneggiar vergogna è 'l frutto,
e 'l pentérsi, e 'l conoscer chiaramente
che quanto piace al mondo è breve sogno.