giovedì 19 luglio 2007

Una Conferenza stampa Imaginaria



Si è tenuta ieri mattina alle 12:00, presso la sala stampa del Palazzo della Provincia di Bari la Conferenza Stampa di presentazione della quinta edizione di ImaginariaFilmFestival. Dopo aver rivisto gli amici di Artimedia, aver salutato gli assessori Vittorino Curci, della Provincia di Bari, Silvia Godelli, della Regione Puglia, e Diego Iudice, del Comune di Conversano, ho detto delle cose a braccio sul festival, spero per il mio uditorio non troppo scordinate o senza senso. 

Con piacere ho rivisto Luigi Iovane il mio direttore, conosciuto, l'altro direttore Giuseppe De Mattia, preso un caffè con Gilda Camero, amica e giornalista di Barisera, salutato la giurata e giornalista di Repubblica Antonella Gaeta, e Mara Maggiore, del Corriere del Mezzogiorno. Rivedere Diego smunto e non più in veste di presidente del Centro Ricerche Storia e arte di Conversano mi è sembrato strano. 

Era un pò pallido, ma ha detto qualche parola anche lui, sempre col suo temperamento combattivo e referente di cose pratiche, come alle riunioni d'inizio anno del Centro, in cui inforcati i suoi occhialetti si metteva al centro della stanza, e ci esponeva sotto lo sguardo sempre innamorato della moglie Caterina le iniziative concluse e quelle ancora in fase di attuazione, e quelle che si sarebbero dovute o potute prevedere. 

Un passaggio indietro di qualche anno. Mentre il pensiero va a Paolo Antonio di Tarsia, alla Storia di Conversano, ai Memoriali, e al De Nundinis (buchi neri nella mia avventura di studioso e seicentista troppo presto emarginato, mobbizzato ed in fine cacciato dall'Hdemia!)

A coronare la bella giornata evento niente affatto secondario è stato la laurea in Giurisprudenza del mio amico Vincenzo Pietrogiovanni, non ho potuto partecipare come avrei volut accanto a lui alla sua gioia per via della coincidenza con la conferenza stampa. è però un grande traguardo. Questo mio amico, mi ispira tanto affetto e come Andrea N. o Giuseppe C. ha segnato la mia maniera di vedere l'arte. Gli sono grato per questo e a lui il mio augurio più grande. Auguri dott. Vincenzo Pietrogiovanni.