lunedì 9 luglio 2007

sulla noia di un certo teatro italiano: 2


 …E un'altra cosa voglio da te, e me la dai!
Dummì, tengo tre figli, e un ‘e chilli tre è figlio a te! Te puteve dicere che tutte e tre erano figli a te, C'avisse credute, te lo facevo credere. Tu nun te ricuorde, nun tu può ricurdà.

Tu partive, a Londra, Parigi, 'e ccorse, 'e femmene. Na sera, una 'e chelli tante, ca quanno te ne ive, mi regalavi sempre una carta da cento lire...na sera me diciste: Filumè, facimmo avvedè ca ce vulimmo bene, e stutaste ‘a luce. Io, chella sera te vulette bene veramente.Tu, no tu avive fatto avvedè. E quanno appicciaste 'a luce n’ata vota, mi desti la solita carta da ciento lire. Io ci segnai la data e il giorno. Tu partiste come al solito. Quanno turnaste te dicette che a vita mia seva tata sempe 'a stessa, e infatti quanno m’addunai ca nun avaive entise niente, fuie n'ata vota chella 'e primma. Tiene! I figli nun se pagano!